Salone Del Mobile: tornerò, torneremo.

Salone Del Mobile: tornerò, torneremo.

Media Specialist

L’oggi di ieri 

Apri Instagram _ Stories_ Crea _ Accadde Oggi 

E io nell’oggi del 2019, 2018, 2017, 2016, 2015 ho video e foto di feste, installazioni e in stand. 

Tutto è accompagnato da hashtag, #SaloneDelMobile e #FuoriSalone

Ogni giorno, un colpo al cuore. 


Ma la luce l’ho vista ieri, una proposta di location per #FuoriSalone.

La mia risposta carica di speranza ma comunque realista:

Grazie, 

vi faccio sapere se qualcuno dei nostri clienti avrà bisogno 

Grazie,

Pietro 


La parte per il tutto

Vado oltre a quanto la pandemia ci abbia tolto. Ma il Salone rappresenta per me (e per noi) una dimensione importante. 

Dobbiamo vivere. E il Salone è parte della vita. 

É un percorso di mesi di lavoro, è la realizzazione di un susseguirsi di mail che hanno un incipit e che vengono archiviate anche 12 mesi prima. É un insieme di call e appuntamenti che partono da “dobbiamo pensare ad un concept, dobbiamo fare una strategia social, il catalogo deve andare in stampa prima della presentazione agenti”. 

É la rincorsa delle scadenze.   


Non serve chiamarle, sono emozioni 

Ma soprattutto è la soddisfazione

Per quanto io creda nella forza del digitale, non ci basta guardare le cose su uno schermo. 

E questo lo capisci quando arrivi allo stand e tocchi, percepisci il tuo lavoro concretizzato ti carichi di soddisfazione (certo se tutto è andato bene). 

E rivivi la prima riunione, seduti a pensare al piano di comunicazione e marketing per la fiera mettendo insieme i touchpoint, trovando un filo conduttore che dialoga tra prodotto, brand e strumenti. 

E ce l’hai lì davanti. 

Sì, il vaccino lo voglio fare ma andare in fiera e starci per 5 giorni, non è male nemmeno quello. 


Settembre ti aspetto

Non parlo prima del tempo ma se è vero quello che si sta muovendo, settembre ti aspetto.

Anzi… sono pronto al primo brief. E a mettermi le mani nei capelli.  


ps: nel montare il collage di immagini, è scesa una lacrimuccia. Lo sapete che tutta questa è comunicazione sensibile.