Ok rifaccio il sito! Rischio di perdere indicizzazione?

Ok rifaccio il sito! Rischio di perdere indicizzazione?

 di lettura
ICT Developer & Business Analyst Senior

Un vademecum pratico a firma di ASB\COMUNICAZIONE

Il tuo sito ha ormai degli anni, avendo un cms però, sei sempre riuscito ad aggiornare la lista prodotti, eventuali post del blog, press, e news. Nonostante ciò nel tempo ti sei reso conto che vorresti cambiare alcune cose, alcune linee prodotto si sono molto evolute e vorresti enfatizzarle meglio ed inoltre i tuoi prodotti ora coprono aree e/o funzioni che non coprivano anni fa ed il sito non permette di evidenziarlo adeguatamente. Allora decidi: ”rifacciamolo!”.


Situazione cliente-fornitore 

Prendi il telefono e chiami il tuo fornitore di fiducia, oppure decidi di cambiare e vai su Google e cerchi altri fornitori e li chiami. Il fornitore di turno arriva e fate una bella riunione. Quasi sempre come prima cosa si parla di grafica, “la prima impressione è quello che conta”, un nuovo stile per attirare più visitatori, uno stile più fresco, no meglio uno stile più professionale, ancora meglio una mediazione di entrambe. Ma poi la discussione finisce sul tema principale “come migliorare l’esperienza del visitatore e allo stesso tempo valorizzare i punti forza della nostra produzione”, si finisce a parlare di tassonomia, cioè per quali categorie raggruppare i prodotti. Anche se sono ancora quelli, le vecchie categorie non bastano,andrebbe aggiunta una o più categorizzazioni non attualmente presenti, per ambiente di utilizzo, per indice di protezione, per classificazione energetica….


I classici dubbi, le classiche problematiche

Si inizia a stendere un bel progetto, con la nuova navigazione concordata, ed il fornitore fa una domanda, “ma per i vecchi link da reindirizzare ci fornite una lista o pensiamo a tutto noi?”. Allora ti viene spiegato un aspetto a cui non avevi pensato. Il tuo sito negli anni può essere stato linkato nel web da altri siti, blog o social, ed essersi indicizzato per quelle pagine presenti attualmente. Un utente può aver messo il link al prodotto che ha acquistato sulla sua pagina social, una testata di settore può aver fatto un articolo su un tuo prodotto innovativo. Altri possono aver parlato in un blog del tuo prodotto XX come ottima alternativa ad un prodotto concorrente XY che non funziona e allegato il relativo link. I motori di ricerca possono aver indicizzato le pagine del tuo sito. Quando rinnoverai il tuo sito, tutti, o la maggior parte di questi link salvati in giro nel mondo non funzioneranno più e quindi ci saranno molte meno possibilità di raggiungere il tuo sito. Inoltre meno pagine del tuo sito sono linkate in altri siti più basso sarà il punteggio che ti permette di essere nei primi risultati dei motori di ricerca. Per cui si deve fare in modo che i vecchi link non smettano di funzionare ma invece portino alla relativa pagina nel nuovo sito. La soluzione è abbastanza semplice, ma richiede tempo e precisione. 


La soluzione a tutti i quesiti

Infatti per far questo si stila una lista dei vecchi URL, il più possibile dettagliata, con la quale si creeranno tutta una serie di regole di redirect nel file .htaccess del nuovo sito che permettano di raggiungere le nuove pagine. 

Vi sono 2 tipologie di regole: quelle che cambieranno parte del percorso, mantenendo inalterato il resto, e quelle che cambieranno l’intero url della pagina.


Per cambiare il percorso di alcune pagine si può usare:

  • RewriteRule ^/?vecchio/percorso/(.*)$ /il/mio/nuovo/percorso/$1 [L,R=301]


Per riscrivere completamente l’indirizzo di una pagina:

  • RedirectMatch 301 ^/la/vecchia/pagina$ /nuovo/percorso/nuova/pagina-sito


Attenzione a ricordarsi di usare il 301 e non il 302, in quanto il reindirizzamento 301 è permanente, mentre il 302 dice a chi riceve la risposta che quell’indirizzo non è definitivo, per cui, specialmente i motori di ricerca, non lo indicizzeranno.